Filler con nanofat e cellule staminali

Nell’invecchiamento del volto gioca un ruolo chiave la perdita dei volumi della regione zigomatica, palpebrale e della guancia.

Questi provocano un cedimento evidente nei solchi nasali e nel contorno mandibolare.

Inoltre si verifica un cambiamento della qualità della pelle che perde elasticità, lucentezza, morbidezza.

La forma del volto giovane appara come un triangolo con la base orientata in alto che passa per gli zigomi e l’apice orientato in basso che guarda in direzione del mento.

Con il progredire dell’età, la forma del volto cambia ed il triangolo si rovescia.

Il Filler con nanofat e cellule staminali trova pertanto indicazione nel ringiovanimento del volto perché permette sia il ripristino dei volumi sia il miglioramento della qualità della pelle.

C’è da dire che l’approccio medico migliore al ringiovanimento del volto è quello c.d. globale in cui si ha non solo la trazione dei tessuti con il lifting non chirurgico ma anche il ripristino del volume.

Per filler s’intende genericamente una metodica medica di iniezione di un prodotto all’interno dei tessuti umani.

I filler più utilizzati sono quelli all’acido ialuronico o all’idrossiapatite di calcio.

Oggi possiamo utilizzare la tecnica iniettiva del filler con le cellule staminali derivate dal grasso prelevato dall’addome o dai fianchi.

Il grasso è poi lavorato in modo sterile e fatto passare attraverso dei filtri e poi è iniettato attraverso dei piccolissimi aghi nel tessuto.

Il Filler con nanofat e cellule staminali permette quindi il riempimento del volume del volto sia nelle classiche aree quali i solchi nasali, gli zigomi e le labbra, sia in aree più delicate come il codice a barra, la regione palpebrale inferiore (per le occhiaie), il collo, il decolleté.

Inoltre, con la stessa tecnica si può iniettare il grasso a micro gocce nel derma della pelle del volto e del collo per biostimolare le cellule (fibroblasti) a produrre nuova matrice dermica.

Le stesse cellule staminali possono trasformarsi in fibroblasti ed produrre un rinnovamento cellulare.

Il Filler con nanofat e cellule staminali è una procedura ambulatoriale, non traumatica e indolore.

Previa infiltrazione di anestetico locale, il grasso è prelevato attraverso una piccola cannula collegate ad uno speciale filtro (1) e raccolto in una siringa.

Il grasso viene poi fatto passare attraverso filtri sempre più piccoli (2) al fine di poter essere iniettato con aghi di piccolissimo calibro.

Filler con nanofat e cellule staminali

1)

Filler con nanofat e cellule staminali

2)

Filler con nanofat e cellule staminali

3)

Dopo la procedura medica, il paziente può riprendere tutte le normali attività della vita.

Potranno comparire delle piccole ecchimosi e degli edemi che scompariranno nel giro di pochi giorni.

L’effetto clinico di ringiovanimento del volto e del collo inizierà a rendersi evidente dopo un paio di giorni.

L’effetto si completerà nel giro di 8-12 settimane.

Per potenziare gli effetti clinici del Filler con nanofat e cellule staminali può essere associato:

Se sei interessata a sottoporti ad una visita specialistica per valutare la tua indicazione al ringiovanimento del volto e del collo.

Per le tecniche di medicina rigenerativa con nanofat e cellule staminali, contatta la segreteria dei centri Jenevì.

l centri Jenevì Medical si trovano a Milano, Monza Brianza, Roma, Forte Dei Marmi, Firenze.

Offrono servizi di medicina e chirurgia estetica, medicina rigenerativa, cosmeto-ginecologia, odontoiatria estetica. 

Puoi contattare la segreteria unica al numero 067012470 o via email medici@jenevi.it .

Direttore medico e scientifico del gruppo Jenevì Medical è il prof. Antonino Araco, medico e chirurgo estetico di fama internazionale e ricercatore scientifico.

 

Filler con nanofat e cellule staminali

Filler con nanofat e cellule staminali

Filler con nanofat e cellule staminali